Logo Cerca Viaggi Online

rss RSS

 
Entra nel Blog
Sito Mobile
Blog Cerca Viaggi Online
Cerca Viaggi Online Mobile
  Scarica le nostre Applicazioni

News dal Blog

I migliori siti per cercare Voli e Low cost Cerca Voli e Low Cost
Gli Overwater Bungalow più Economici del Mondo! Gli Overwater Bungalow economici
In vacanza con il cane! Atraveo offre più di 75.000 sistemazioni dove anche i cani sono i benvenuti! In vacanza col cane
Soldi contati per le Vacanze? Trova Voli, Hotel, Vacanze e altro in base al budget! Cerca voli in base al badget
In viaggio con gli animali nei campeggi in Europa!! In viaggio con gli animali nei campeggi in Europa!!
Aeroporti di Londra - Collegamenti e informazioni utili! Aeroporti di Londra - Collegamenti e informazioni utili!
OMNIA SAIL - Scopri la fantastica Grecia Ionica in Barca a Vela OMNIA SAIL - Scopri la fantastica Grecia Ionica in Barca a Vela
Le teste dell'Isola di Pasqua hanno una corpo! Nuove scoperte dal Cile! Le teste dell'Isola di Pasqua hanno una corpo! Nuove scoperte dal Cile!

Mete TOP

Creta - Speciale Grecia Creta - Speciale Grecia
Rodi - Speciale Grecia! Rodi - Speciale Grecia!
Le 10 cose essenziali da fare in Australia! Le 10 cose essenziali da fare in Australia!
Parigi: consigli per vivere la città low cost! Parigi: consigli per vivere la città low cost!
Viaggio alla scoperta di Barcellona e Gaudì!! Viaggio alla scoperta di Barcellona e Gaudì!!
LAMPEDUSA - Un Paradiso per i Sub...e non solo!! In vacanza a Lampedusa
In Vacanza a Londra!! In Vacanza a Londra!!
Viaggio alla scoperta di Rio de Janeiro!! Rio de Janeiro
POLINESIA..un Sogno che diventa Realtà!!! POLINESIA..un Sogno che diventa Realtà!!!
I pericoli nel Mar Rosso I pericoli nel Mar Rosso
Maiorca - Speciale Baleari Maiorca - Speciale Baleari
Ibiza - Speciale Baleari ibiza speciale baleari
Una Vacanza in Tunisia! informazioni utili per il viaggio Tunisia
 

Vacanze e Volo+Hotel

leggi eDreams
leggi Lastminute.com
leggi Opodo
leggi TUI
leggi Yalla Yalla

Hotel e Alloggi Economici

leggi Agoda
leggi Atraveo
leggi BudgetPlace
leggi eDreams
leggi Hotelopia
leggi HotelsClick
leggi Lastminute.com
leggi NH Hotels
leggi TUI
leggi Venere

Voli e Low Cost

leggi Cerca Voli Low Cost
leggi SkyScanner
leggi eDreams
leggi Volagratis

Cerca Compagnie Aeree

leggi Air Berlin
leggi Air Dolomiti
leggi Brussels Airlines
leggi Condor
leggi Czech Airlines
leggi Easy Jet
leggi Jet2
leggi Lan
leggi Lufthansa
leggi RyanAir
leggi TAP Portugal
leggi Virgin Atlantic

Crociere e Traghetti

leggi Costa Crociere
leggi Crocierissime
leggi MSC Crociere

Noleggio Auto

leggi Auto Europe
leggi Autonoleggio-Online
leggi Europcar
leggi Hertz

Assicurazioni Viaggi

leggi Allianz Global Assistance
leggi Columbus Direct
leggi ERV
leggi Travelguard

 

 
300x250 Crociere Famiglia
 

 

L'esportazione di tappeti e pietre preziose è sottoposta a restrizioni e imposte doganali
Le autorità doganali saudite mantengono un rigoroso controllo sulle importazioni nel paese di articoli proibiti come le bevande alcoliche, le armi, la carne suina ed altri articoli considerati contrari ai principi dell'Islam, tra cui il materiale a carattere pornografico. L'autorità postale e doganale è molto severa nell'applicazione di tale principio e considera pornografia anche le normali pubblicazioni occidentali (settimanali, ecc.) o cataloghi commerciali. Tale materiale può essere pertanto confiscato ed il viaggiatore può essere multato per il possesso. 

Il sistema finanziario e bancario saudita è al livello di quello occidentale. 
Il reale saudita è la moneta nazionale, si divide in cento halalas ed è convertibile in valuta straniera. 
La maggior parte delle valute straniere sono convertibili presso le banche commerciali ed i cambiavalute. Le carte di credito di maggiore circolazione nel paese sono: Master Card, American Express, Diners Club e Visa. 
Non vi sono restrizioni di valuta, sia locali che straniere, all'uscita e all'entrata. La valuta israeliana è proibita. 
Le banche locali sono aperte: dal sabato al mercoledì dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00 ed il giovedì dalle 8.30 alle 12.00. I cambiavalute sono aperti dalle 8.30 fino a tarda sera.
Il limite  per l'esportazione di valuta è di 10.000 $USA. 
È prevista una tassa aeroportuale d'imbarco di 10.000 dram o equivalente in dollari USA. 
È opportuno viaggiare con dollari americani o con euro in banconote in quanto i travellers cheques ed alcune carte di credito sono accettati solo nei più importanti alberghi. Entrambe le valute possono essere cambiate in moneta locale nei numerosi uffici di cambio. 
I controlli migratori sono severi. Vi è un'apposita regolamentazione per l'importazione di gioielli e di valuta. In caso di acquisto di tappeti o di altri oggetti antichi (oltre i 50 anni), occorre farsi rilasciare la certificazione per l'esportazione corredata dalla foto dell'oggetto da esportare: il certificato in questione si richiede al venditore o al Dipartimento per la Protezione dei Beni Culturali (via Komitas 51, tel. 010 235086-230231). Tale certificazione deve essere presentata alle autorità doganali che la richiedono. Nel caso in cui si cerchi di esportare oggetti d'arte o antichi senza la certificazione in questione si rischia di incorrere nel reato di contrabbando, con conseguenze di natura penale.
Non vi sono formalità valutarie. Per somme ingenti è bene informarsi presso l'Ambasciata italiana a Baku.È vietato esportare oggetti d'arte e tappeti antichi. Se si acquistano oggetti di artigianato o tappeti, è buona norma richiedere al venditore un certificato di autorizzazione all'esportazione, rilasciato dal Ministero della Cultura, per evitare che i beni acquistati vengano confiscati alla frontiera. La franchigia doganale per l'esportazione di caviale è di 250 grammi a persona. 
Si fa infine presente che la pubblicazione turistica della "Lonely Planet" relativa al Caucaso viene sequestrata dalle Autorita' di Frontiera in quanto ritenuta non politicamente equilibrata. Le valute straniere possono essere cambiate in moneta locale in numerosi uffici di cambio o negli stessi negozi. Traveller's cheques e carte di credito sono accettati soltanto negli alberghi e ristoranti di categoria elevata. 
Nella capitale sono sempre piu' numerosi gli sportelli automatici presso i quali e' possibile prelevare contanti con la propria carta di credito VISA o Bancomat (circuito "Maestro").
Non esistono restrizioni o formalità sulla valuta in entrata e in uscita, mentre i movimenti di capitali sono soggetti a formalità ispettive sulla loro provenienza. Le merci importate sono soggette a dazio; talune categorie di oggetti ad uso personale e beni, però, sono esentati dal dazio entro i seguenti limiti: 400 sigarette, 50 sigari, 250 g. di tabacco da pipa, 1 litro di bevande alcoliche, 8 once fluide di profumo, 6 lattine di birra, regali per un valore massimo di BHD 250 (circa 600 euro), purché di natura diversa da quelli sopra elencati.
Non presenti
Si consiglia di contattare le Autorità locali qualora si intenda esportare dal Paese oggetti usati e di farsi rilasciare un certificato che ne attesti l'origine. L'ordinamento bhutanese è infatti particolarmente severo sull'esportazione di oggetti considerati di antiquariato.
Nessuna. Divieto di importazione: liquori, sigarette, accendisigari a forma di revolver o pistola, droghe controllate e sostanze psicotropiche, specie in pericolo di fauna selvatica e dei loro sottoprodotti, fuochi d'artificio, articoli e/o pubblicazioni osceni.
I dollari americani sono la valuta straniera di normale circolazione.  Si consiglia di munirsi di banconote di piccolo taglio.  Gli sportelli ATM (Bancomat) sono molto rari.
Non esistono particolari limitazioni all'importazione di valuta straniera. Se comunque la somma supera i 5.000 US$, e' bene dichiararla all'ingresso  compilando il formulario doganale in duplice copia, per poter poi dimostrare - all'uscita dal Paese - il  precedente possesso della somma eventualmente restante, in caso di controllo doganale. 
Lo Yuan/RMB non e' ancora liberamente convertibile. 
Vanno dichiarate le apparecchiature elettroniche di esclusivo uso personale.
Non esistono limitazioni valutarie, ma è obbligatorio dichiarare la somma che ecceda i 12.000 €. La valuta cipriota è difficilmente convertibile al di fuori di Cipro. Il sistema bancario è buono e gli sportelli bancomat sono numerosi. Le carte di credito sono accettate nei principali negozi, alberghi e ristoranti. 

- Divieto d'importazione: cibi freschi (carni, verdure, salumi, formaggi ecc.) 
- Divieto d'esportazione: non esportare, se non previa autorizzazione dei competenti uffici governativi ciprioti, opere d'arte e resti archeologici
Sono state abolite le quote giornaliere di spesa. Le carte di credito possono essere utilizzate nella capitale anche se in modo limitato.  Il dollaro statunitense e l'euro sono generalmente accettati mentre non lo sono i travellers' cheques. L'importazione e l'esportazione della moneta locale sono severamente proibiti.
Occorre compilare la dichiarazione di arrivo e partenza "entry or departure declaration" da parte di ogni passeggero e/o la "customs declaration" per ogni nucleo famigliare, nei casi in cui si trasportino merci da sdoganare, e il "quarantine questionnaire". È bene informarsi prima presso l'Ambasciata di Corea a Roma, ovvero visitando anche il sito delle dogane coreane per avere informazioni aggiornate sui prodotti proibiti. 

All'arrivo nella Repubblica di Corea, occorre dichiarare in dogana: 

- le somme superiori ai 10.000 dollari USA inclusi i travellers cheques, pena la confisca della somma eccedente. 
- gli articoli acquistati all'estero il cui valore ecceda i 400 dollari; 
- oggetti nuovi mai usati, attrezzature elettriche, elettroniche, strumenti musicali, ecc., 
- prodotti agricoli, di silvicoltura, di pesca o allevamento inclusi carni ed erbe medicinali. 
- oggetti considerati pericolosi per la pubblica sicurezza quali armi da fuoco, coltelli, narcotici e psicotropi (di cui e' vietata l'importazione), 
- gli articoli soggetti a dogana (pietre preziose o perle, oggetti in madreperla, corallo, ambra o avorio od oggetti equivalenti) 
- gli oggetti destinati alla vendita, articoli o oggetti pornografici e osceni (fotografie, film, pubblicazioni, ecc). I beni elettronici personali (computer, videocamere, ecc.) vanno dichiarati all'arrivo o alla partenza in modo da poterli riportare con sé senza pagamento di dogana. 

È consentito l'acquisto in esenzione doganale di:  
- 200 sigarette (50 sigari o 250 gr. di tabacco), 
- 1 bottiglia di alcolici (non più di un litro), 
- 2 once di profumo (1 oncia = 28,35g) 
- merci in generale per un valore complessivo di 400 dollari USA.
Formalità valutarie: nessuna. È proibita l'importazione di materiale (giornali, video, riviste ecc.) che potrebbe essere considerato offensivo della morale islamica, nonché di materiale audio/video e di software pirata. È consentita l'importazione di 2000 sigarette, 400 sigari, 2kg di tabacco, 2 litri di liquore e 2 litri di vino; questi ultimi solo per i non musulmani e fatta eccezione per l'Emirato di Sharjah, dove le bevande alcoliche sono proibite. 
Non si può esportare valuta locale per un ammontare superiore a 5.000 pesos. Non vi sono limiti all'introduzione di valuta, tuttavia per somme superiori ai 10.000 dollari è obbligatorio denunciarle. 
Il visitatore temporaneo non può introdurre nel Paese armi, prodotti agricoli, cibo e medicinali salvo le quantità concesse per uso personale
Le somme superiori ai 500 dollari USA devono essere dichiarate alle Autorità di frontiera. L'Euro è accettato nel paese.
Nessuna in particolare. Non vi è limite all'importazione e all'esportazione di valuta, ma è obbligatorio dichiarare alla dogana la somma superiore ad un milione di Yen. 
Le maggiori carte di credito sono accettate, mentre i bancomat potrebbero non essere utilizzabili. Si suggerisce di contattare la propria banca prima di partire, per evitare spiacevoli inconvenienti. Attualmente gli unici bancomat utilizzabili sono quelli che riportano la dicitura "CIRRUS". È possibile utilizzarli negli uffici postali locali. 
Divieto di importazione:  Armi da fuoco e munizioni, insaccati (ad esclusione di quelli in tetrapack in vendita nei duty free shops delle aree transito), merci alimentari facilmente deperibili (quali ad esempio frutta fresca). 
Limitazione di esportazione: piante in generale.
Nessuna
Somme superiori all'equivalente di 5.000 dollari USA in contanti e 10.000 dollari USA in travellers cheques sono da dichiarare alle autorità doganali all'arrivo in aeroporto, mentre per l'esportazione di oggetti di grande valore o in grandi quantità è necessario acquisire un'autorizzazione della dogana prima dell'uscita dal Paese. Sono facilmente convertibili Euro, Dollari e le altre più importanti valute; è anche possibile usare la carta di credito, preferibilmente del circuito VISA, sia nei negozi autorizzati sia negli alberghi delle grandi città, dove possono essere inoltre utilizzati sportelli bancari automatizzati.

Limitazione di esportazione: non è consentito esportare oggetti antichi di più di 100 anni, e prodotti derivanti da animali protetti (avorio, pelle di serpente o di altri animali selvatici) inclusi i prodotti tessili (come lo shatush) derivanti da animali protetti.
nessuna, esiste una libera convertibilità della valuta. A Jakarta e nei maggiori centri turistici è possibile effettuare sia il cambio Dollaro USA/Rupia che quello Euro/Rupia, a tassi correnti. Il cambio con l'Euro è invece ancora poco diffuso nelle zone meno turistiche e più remote del Paese. Le principali carte di credito sono accettate negli esercizi turistici. 
La tassa aeroportuale per l'uscita dal Paese ammonta a Rupie 100.000 a persona, mentre per gli spostamenti aerei interni è necessario pagare una tassa di 30.000 Rupie.
Vi è l'obbligo di dichiarare somme superiori a 1.000 US$ o Euro onde evitare possibili problemi in uscita dal Paese. 
Le carte di credito internazionali non sono, per il momento, riconosciute come mezzo di pagamento e le valute straniere più comunemente accettate per il cambio in Rials sono il dollaro USA, di taglio da 100$ e l'Euro.
Ogni visitatore può esportare articoli fino ad un valore di 160 US $ e tappeti per una superficie complessiva non superiore a 12 mq. L'indirizzo dell' Ufficio doganale è il seguente: Customs of the Islamic Republic of Iran , Corner of Miremad Street - Shahid Beheshti Ave. TEHERAN 15875/6834 - Tel.: (98)-21-88501425/30
Non è consentita l'esportazione dall'Iraq di beni d'arte (antichità, tappeti di pregio, altre opere d'arte). I trasgressori rischiano pesanti condanne penali. Si fa presente che carte di credito e travellers' cheques non sono accettati. Gli alberghi vanno pagati in valuta straniera, preferibilmente in dollari USA.
La settimana lavorativa va dalla domenica al giovedì incluso. I negozi non osservano orari definiti e la maggioranza rimangono chiusi nel pomeriggio.
Nessuna in particolare
Non vi sono limitazioni alla quantità di valuta straniera che il visitatore può portare con sé in Kazakistan e che dichiara al momento dell'ingresso nel Paese. Al momento dell'uscita, se tale somma non supera l'equivalente di 3.000 dollari USA, non occorre compilare alcuna dichiarazione presso gli organi doganali. Se lo supera, si dovrà compilare una dichiarazione e dimostrare come tale somma sia stata introdotta in Kazakistan. I pagamenti all'interno del Paese vengono effettuati in tenghé. Euro e dollari possono essere convertiti facilmente. Ad Astana e Almaty l'uso della carta di credito è abbastanza diffuso e sono presenti diversi sportelli bancari automatizzati.Divieto di importazione: sono soggette a severe restrizioni all'importazione le armi di chi si reca in Kazakistan a scopi venatori. Per portarle con sé occorre rivolgersi preliminarmente all'Ambasciata del Kazakistan in Italia che, se del caso, procede all'avvio della pratica autorizzativa. Limitazione di esportazione: gli oggetti d'arte acquistati in Kazakistan possono essere portati in Italia solamente se si è in possesso di un certificato rilasciato dal Ministero della Cultura e dell'Informazione che attesti che essi non presentano un valore storico-artistico per il Paese.
Al momento dell’arrivo nel Paese, occorre compilare una dichiarazione nella quale si indica, fra le altre cose, l’eventuale possesso d’oggetti preziosi o armi. Il documento dovrà essere conservato fino al momento dell’uscita dal Paese. L’importazione e l’esportazione di valuta è libera. Per cifre consistenti, si consiglia tuttavia di effettuare una dichiarazione doganale all’arrivo. Per quanto riguarda la permanenza, occorre tenere presente che euro e dollari USA sono le valute più facili da convertire in moneta locale (som). E’ opportuno effettuare il cambio presso i numerosi sportelli ufficiali presenti in molte città. L’uso della carta di credito, sebbene in crescita, è prevalentemente limitato a Bishkek e, anche nella capitale, solo negli esercizi commerciali di tipo “occidentale”. Gli sportelli per il prelievo di valuta sono invece pochissimi, inclusa Bishkek. 
- Divieto di importazione: armi e droghe. Le armi da caccia possono essere importate solo se dichiarate.
- Limitazione di esportazione: oggetti d’antiquariato di oltre 50 anni. Per quadri e altri beni artistici occorre munirsi del relativo permesso di esportazione rilasciato dall’apposito ufficio del Ministero della Cultura locale.
Nessuna
Nessuna. Si fa presente che in Laos non sussistono affidabili sportelli internazionali ATM. Le principali carte di credito sono accettate nei grandi alberghi e nelle più importanti strutture turistiche. Le transazioni sono condotte principalmente in dollari americani, Thai Bath o Lao Kip. Le pene per reati di importazione e uso illegale di droga sono severe e possono arrivare alla pena di morte.
Nessuna
Limitazione di esportazione
Armi e munizioni; è necessaria la richiesta preventiva di permesso d'importazione rilasciata dal Ministero della Difesa e dell'Interno libanese.
Viaggiatori con animali (cani e gatti)
Se si intendono introdurre cani e gatti nel Paese, si deve essere in possesso di un certificato di vaccinazione contro la rabbia e di un certificato di buona salute dell’animale, rilasciato da un veterinario del Paese di origine. Analogo certificato di buona salute è necessario per gli altri animali domestici (uccelli, etc.).
All’ingresso in Malaysia, il visitatore deve dichiarare l’ammontare di valuta estera in suo possesso, sia in contanti che in “travellers cheques”, qualora esso superi l’equivalente di 10.000 Ringgit (pari a circa € 2.200). Si tratta solo di una dichiarazione, in quanto non sono previsti limiti d’importazione. All’uscita dalla Malaysia, si dovrà nuovamente effettuare la dichiarazione valutaria, tenendo presente che non si potrà esportare valuta estera in misura superiore a quella denunciata all’ingresso nel Paese. I visitatori temporanei sprovvisti della relativa autorizzazione non possono importare o esportare più di 1.000 Ringgit a persona.
E’ severamente proibita l’importazione di armi da fuoco e munizioni, senza regolare porto d’armi. (Per il possesso illegittimo di armi può essere inflitta la pena di morte)
Nessuna. Si consiglia di portare con sé dollari USA. L’euro è comunque accettato nei villaggi turistici e negli alberghi. Le carte di credito più utilizzate sono: Visa e Master Card; in alcuni luoghi sono anche accettate American Express, JCB, Diners Club ed Euro Card. 
La legislazione islamica vigente proibisce tassativamente l’importazione di: stupefacenti (anche in piccolissime quantità), alcolici, materiale pornografico, immagini sacre e prodotti di carne suina. 
Divieto di esportazione: sono proibite le esportazioni di coralli , conchiglie, oggetti in tartaruga, pesci ed animali.
Non e’ consentito uscire dal Paese con una somma superiore a quella dichiarata in entrata.
Il dollaro statunitense e l’Euro sono le valute straniere preferite, accettate nella capitale anche per piccole transazioni commerciali. Le carte di credito hanno una diffusione molto limitata (grandi alberghi e alcuni ristoranti e negozi), mentre sono quasi del tutto sconosciute al di fuori della capitale.
E' obbligatorio dichiarare, all’entrata ed all’uscita dal Paese, qualsiasi valuta straniera il cui ammontare superi il valore di 2.000 Dollari USA. Per coloro che violano dette disposizioni sono previste pene detentive.
I regolamenti sono restrittivi e rigidamente applicati. I bagagli dei viaggiatori possono essere sottoposti a controlli accurati. 
All’arrivo nel Paese, la dogana può prendere in consegna i telefoni cellulari ed i computer portatili dei turisti, per restituirli al termine del loro soggiorno. 
È obbligatorio dichiarare all’arrivo:
a) gioielli (anelli, bracciali, collane, etc.) indicandone il valore.
Gli inadempienti potrebbero, al momento della partenza, essere sospettati di esportazione illegale di preziosi;
b) qualsiasi apparecchiatura elettronica (computer, telefoni cellulari, videocamere, macchine fotografiche, etc.), indicandone il valore. 
È illegale l’esportazione di oggetti di culto, di antiquariato e frammenti di monumenti. 
Si raccomanda di evitare di raccogliere frammenti di monumenti che apparentemente giacciono incustoditi. I controlli doganali sono particolarmente attenti e severi. 
L’acquisto di pietre preziose, gioielli e oggetti di valore deve essere effettuato esclusivamente presso negozi autorizzati (generalmente governativi), i quali sono tenuti a rilasciarne ricevuta, necessaria all’esportazione. L’esportazione illegale di pietre preziose è sanzionata con pene detentive.
All’ingresso nel Paese vi è l’obbligo di dichiarare il possesso di valuta oltre i 2000 dollari USA. La mancata dichiarazione è considerata reato penale. Le Rupie nepalesi non sono esportabili. Per i viaggiatori provenienti dall’India che posseggano Rupie indiane si fa presente che sono accettate, e consentite, le banconote in Rupie indiane di taglio non superiore alle 100 Rupie. Non e’ ammessa l’importazione di banconote da 500 e da 1.000 Rupie indiane.
Negli alberghi e nei negozi piu’ strutturati della capitale sono accettate le carte di credito internazionali (visa, ecc.) a condizione che non siano state rilasciate da un Istituto bancario indiano.
Di norma non vengono effettuati controlli, sia in entrata che in uscita dal Paese. È vietata l'importazione di alcolici (sono consentite solo due bottiglie ai passeggeri non musulmani), di armi, di droghe e di materiale illustrativo offensivo della morale e della religione locale. 
Il visitatore temporaneo può importare temporaneamente, esentasse, i suoi effetti personali oltre ad articoli quali la radio, la videocamera, l'apparecchio fotografico, etc.
Si fa presente che i libri, le cassette audio o video ed i DVD possono essere trattenuti alla dogana al fine di verificarne il contenuto, e che la loro importazione può essere proibita.
Limitazione alle importazioni
È richiesto un permesso di importazione per tutte le carni ed i prodotti derivati. Tale importazione deve essere accompagnata da un certificato attestante che la carne è “Halal”.
Divieto all’importazione
È vietata l'importazione di: armi da fuoco e munizioni (salvo permesso speciale del Ministero della Sicurezza); riproduzioni di armi da fuoco, comprese le armi giocattolo (salvo il permesso speciale del Ministero della Sicurezza); articoli infiammabili; materiale pornografico; coltelli e spade; narcotici; prodotti alimentari inclusi legumi, la frutta e le bevande analcoliche (ad eccezione di quelli conservati in scatola) provenienti da un Paese dove è presente il colera; datteri di tutti i tipi comprese le radici di palma da datteri; palme ornamentali; noci di cocco. Dal gennaio 2006 è vietata l'importazione di khanjar (coltelli tradizionali) prodotti all'estero.
Divieto di esportazione
È vietata l'esportazione di gioielli, mobili, prodotti artigianali antichi di particolare valore storico. È consigliabile che il visitatore si informi presso i negozianti prima di effettuare tali acquisti. 
Si ricorda che in Oman è vietato raccogliere coralli e uova di tartarughe sulle spiagge; pertanto non si possono esportare.
Non vi sono restrizioni all’importazione in Pakistan di valuta straniera, il cui ammontare deve essere comunque dichiarato al momento dell’ingresso nel Paese, al fine di poter eventualmente riesportare lo stesso importo. È vietata l’esportazione di moneta locale, la rupia pakistana. L’uso delle carte di credito non è consigliabile dato il rischio di contraffazione, né è molto diffuso, fatta eccezione per i grandi alberghi e le grandi città. Limitazione di esportazione: l’esportazione di antichità (oltre i 50 anni) è proibita dalle disposizioni doganali vigenti, che si applicano a tutti gli oggetti d’arte ed ai tappeti.
Nessuna.
Si ricorda che è vietato importare alcolici, prodotti alimentari derivati dal maiale e materiale considerato offensivo per la legge islamica. Le Autorità doganali esercitano un controllo accurato sull’importazione dei prodotti alimentari sopra menzionati nonche’ su pubblicazioni, videocassette, DVD, che vengono sottoposti a censura onde evitare rischi di offese per la morale locale.
Nessuna
Divieto di importazione 
Alcolici (sono ammessi al massimo 2 litri di vino con gradazione inferiore a 15°) e sigarette (ammesso esclusivamente un pacchetto da 20 a persona); accendisigari a forma di revolver o pistola; droghe controllate e sostanze psicotropiche; specie in pericolo di fauna selvatica e dei loro sottoprodotti; fuochi d’artificio; articoli e/o pubblicazioni osceni. Per ulteriori informazioni consultare questo sito.
Le somme in valuta estera superiori all'equivalente di 5.000 dollari Usa devono essere dichiarate all'ingresso nel Paese. Non sono consentiti acquisti in valuta estera salvo quelli effettuati in dollari nei grandi alberghi. I viaggiatori dovranno, quindi, conservare le ricevute di cambio a dimostrazione che i loro acquisti siano stati effettuati con moneta locale regolarmente cambiata.
Non è consentito far uscire dal Paese le lire siriane. Nelle principali città cominciano ad essere presenti ed in funzione sportelli automatici bancari (Bancomat, ecc.). 
Limitazione di importazione: Armi da fuoco
L'importazione di armi da fuoco è consentita ma è necessario ottenere preventivamente il permesso del Ministero dell'Interno: Ministère de l'Intérieur, Place Marjeh Damas. 
Carne: Una piccola quantità di carne può essere importata dal visitatore per il proprio consumo personale. 
Piante: E' consentita l'importazione di piante e di mazzi di fiori .
Divieto di importazione 
L'importazione dei seguenti articoli è vietata:
-droghe e narcotici ;
-armi da fuoco e munizioni (se non accompagnate da autorizzazione del Ministero degli Interni siriano) ;
-walkie-talkies .
Gli articoli vietati o importati in quantità eccessiva vengono temporaneamente confiscati dalla dogana. Essi vengono restituiti al visitatore al momento in cui lascia il Paese. 
Limitazione di esportazione
L'esportazione dei seguenti articoli è vietata:
-oro, argento e oggetti ricavati da tali metalli; 
-oggetti di antiquariato, salvo nel caso in cui siano accompagnati da permesso rilasciato dalla:
Direction Générale des Musées et Antiquités, Rue Rida Said, Damas
tel.: 00963-112228566 , fax: 00963-112247983
Le somme superiori ai 10.000 dollari Usa devono essere denunciate alle Autorità di frontiera. Si informa che l'Euro è generalmente accettato e reperibile nelle maggiori banche di Colombo. Sono accettati anche i dollari USA in contanti, travellers' cheques o carta di credito. Si consiglia di conservare le ricevute dei cambi, qualora si vogliano ricambiare le rupie in Euro o dollari al momento dell’uscita dal Paese in quanto sono richieste dalle autorità locali.
E’ proibita l’esportazione dal Paese di oggetti di antiquariato vecchi di oltre 50 anni.
In entrata è obbligatorio compilare un formulario dettagliato con quesiti di ordine valutario e doganale in entrata nel Paese. Tale formulario, munito dell'apposito timbro delle Autorità doganali, dovrà essere conservato fino al momento di lasciare il Paese
Si può introdurre a Taiwan valuta straniera senza limiti, purchè dichiarata in frontiera. La valuta straniera da riesportare deve essere dichiarata in frontiera se supera il controvalore di $USA 5.000.
Si può esportare valuta locale fino ad un limite massimo di NT$40.000 (1Euro equivale a circa 47 NT$).
Non è consentita a Taiwan la libera introduzione di prodotti animali o vegetali.
Non sussistono particolari formalità per ragionevoli quantitativi di valuta
Divieti e limitazioni di importazione 
-Armi da fuoco e munizioni: è richiesto un permesso speciale rilasciato dalla Polizia Nazionale; 
-pezzi di ricambio per veicoli:non possono essere importati in franchigia:
-oggetti antichi ed oggetti legati alla religione non possono essere esportati senza un permesso rilasciato dal Dipartimento dei Musei Nazionali (informazioni tel. 0066 22261661).
Non pervenute
Per i visitatori temporanei non sono previste restrizioni all’importazione di valuta straniera. 
Al fine di non incorrere in pesanti ammende occorre evitare l’acquisto, al di fuori dei normali circuiti commerciali di: coralli, pesci fossili e oggetti di antiquariato. 
Le merci importate nel Paese, via terra o area, devono essere sdoganate entro 20 giorni; le merci importate via mare devono essere sdoganate entro 40 giorni. Allo scadere di tali termini le merci vengono nazionalizzate o vendute all’asta dallo Stato.
La valuta deve essere dichiarata all’ingresso nel Paese; non è permesso esportare valuta superiore a quella dichiarata in entrata. E’ vietato cambiare la valuta pregiata al mercato nero. Limitato l’uso delle carte di credito (solo negli alberghi internazionali). 
Limitazione di esportazione: è vietata l’esportazione di tappeti antecedenti al 1970; ogni tappeto acquistato deve essere accompagnato da un certificato di esportazione rilasciato dal negoziante e comporta il pagamento dei diritti doganali. Dipinti o altri oggetti di antiquariato possono essere esportati solo previa autorizzazione del Ministero della Cultura (da richiedere con congruo anticipo rispetto alla partenza). Le ispezioni doganali del bagaglio sono particolarmente accurate.
All'entrata nel Paese, è obbligatorio compilare un formulario dettagliato con quesiti di ordine valutario e doganale, che deve essere restituito al momento di lasciare il Paese. 
Si raccomanda di conservare le ricevute per il cambio di valuta, da esibire, a richiesta delle autorita' doganali, al momento di lasciare il Paese. 
L’esportazione d'oggetti d’antiquariato con più di 40 anni è sottoposta a stretta regolamentazione: è possibile ottenere un’autorizzazione all’esportazione da parte del Ministero dei Beni Culturali. Gli oggetti non in regola vengono sequestrati alla dogana. 
Il cambio parallelo è illegale e, di conseguenza, rischioso. Il cambio praticato dalle Banche e presso gli sportelli bancari nei principali Alberghi è attualmente pressoché identico a quello praticato sul mercato parallelo, vanificando di fatto la convenienza che si trova rivolgendosi ai cambisti illegali.
In base ad una direttiva del governo tutti i pagamenti dovrebbero essere effettuati in Sum. Per pagamenti in valuta forte (USD o Euro) è meglio utilizzare banconote, conservando sempre le ricevute piuttosto che ricorrere a carte di credito per evitare il rischio di clonazione (Visa e Master Card sono generalmente le più usate, raramente accettata l'American Express).
All’arrivo in Vietnam tutti i viaggiatori sono tenuti a compilare una dichiarazione doganale su un apposito modulo, consegnato in genere prima dell’arrivo in aeroporto o disponibile ai posti di frontiera. Una volta vista e timbrata, tale dichiarazione deve essere conservata sino al momento dell’uscita del Paese, quando dovra’ essere riconsegnata alle Autorita’ doganali. Somme di denaro contante superiori a 7000 USD devono essere dichiarate. E' necessario dichiarare all’arrivo anche l'eventuale possesso di metalli preziosi, gioielli, macchine fotografiche e apparecchiature elettroniche. Il bagaglio può essere ispezionato senza preavviso e senza autorizzazione. Le autorità doganali possono procedere al sequestro di documenti, cassette audio e video, compact disc, dvd e libri ritenuti di carattere politico, religioso o pornografico. In quest’ultimo caso puo’ essere applicata una cospicua sanzione pecuniaria. La legge vietnamita pone restrizioni all’esportazione di antichità e gli oggetti acquistati possono essere sequestrati al momento della partenza. Per tali tipologie di beni occorre richiedere un’apposita autorizzazione al Ministero della Cultura vietnamita. E’ vietata l’importazione di qualsiasi tipo di arma o parte di essa e del relativo munizionamento.
Per brevi soggiorni nel Paese non sussistono particolari formalita’ valutarie. Le valute facilmente convertibili sono l’Euro e Dollaro USA. L’uso della carta di credito e’ limitato ai principali esercizi commerciali. Sono diffusi nelle principali citta’ gli sportelli bancari automatici. 
Divieto di importazione: sono vietati per i precetti della religione islamica i prodotti contenenti carne suina e suoi derivati, nonche’ tutti gli alcoolici.
Limitazione di esportazione: sono vietati l'acquisto e l'esportazione di manufatti artigianali e di tutti gli oggetti tipici yemeniti che abbiano più di 50 anni.
Chi Siamo | Mappa del Sito